Come avere un’impresa di successo

I consigli firmati Warren Buffett

I segreti dell’Oracolo di Ohama per essere buoni imprenditori

Ogni giorno 240 aziende in Italia chiudono i battenti. Colpa della crisi, di un sistema di tassazione che toglie il fiato, dei governi che non aiutano chi fa impresa. O, piuttosto, colpa dell’inesperienza di chi si tuffa, impreparato, in un mondo che non conosce?

Essere imprenditori di successo è tutt’altro che semplice e il rischio di fallire è sempre dietro l’angolo. Warren Buffett, uno degli uomini più ricchi al mondo, possiede doti di intuizione e sagacia che lo portano a decisioni e scelte giuste, anche in periodi economicamente turbolenti. Ecco le regole dell’investitore miliardario per avere un’impresa di successo.

  1. Avere una buona reputazione aziendale

Godere di buona reputazione è fondamentale. Le aziende che riescono a ottenere la fiducia, incrementano le vendite, spiccano tra i competitor e migliorano le performance. Un’azienda che gode di un’ottima considerazione, influenza le scelte dei clienti, che tendono a preferirla alle altre, e anche dei partner commerciali. Ma la reputazione aziendale rappresenta anche una garanzia per gli stakeholder, i quali traggono maggior vantaggio nell’investire risorse in un’azienda stabile e di qualità.

È per questo che Buffett raccomanda: “Ci vogliono vent’anni per costruire una reputazione e cinque minuti per rovinarla. Se pensi a questo, farai le cose in modo diverso”.

  1. Avere obiettivi chiari e raggiungibili

Quando ci si affaccia sul mercato, è fondamentale avere obiettivi chiari e raggiungibili. Per essere vincente, l’offerta dell’azienda deve rispondere quanto più strettamente possibile alle esigenze del cliente. Offerte poco chiare o di scarso interesse per il mercato, non porteranno certo al successo. Stabilita l’offerta e gli obiettivi, le nuove tecnologie sono valide alleate: sito internet aziendale e canali social consentono di illustrare con chiarezza prodotti e servizi offerti.

  1. Porre un limite a ciò che si chiede in prestito

Buffett non ha mai chiesto prestiti importanti, né per investimenti e né per mutui o ipoteche. Il suo consiglio è di negoziare con i creditori in modo da poter pagare quello che ci si può permettere, evitando così di rimanere schiavi dei debiti e potendo continuare a mettere da parte una parte di capitale da reinvestire.

  1. Capire quando è il momento di fermarsi

Nel momento in cui ci si rende conto che un determinato prodotto, servizio o investimento, anche di marketing, non sta rendendo quanto si era previsto, allora è il caso di cercare un’altra opportunità di investimento su cui puntare.

Il motto di molte start up della Silicon Valley è: “Sbaglia presto”: devi accorgerti che stai sbagliando finché sei in tempo, capire dove stai sbagliando e agire per rimediare, il prima possibile.

  1. Essere consapevole di cosa sia il vero successo

Nonostante la sua immensa ricchezza, Warren Buffet non misura il successo in termini di denaro. Nel 2006 si è impegnato a donare la quasi totalità del suo patrimonio in beneficienza. “Dico sempre agli studenti dei licei: quando avrete la mia età, avrete successo se le persone che speravate vi amassero, vi amano!”